• Tidak ada hasil yang ditemukan

Tra bucolica ed encomio le Ecloghe di C

N/A
N/A
Protected

Academic year: 2017

Membagikan "Tra bucolica ed encomio le Ecloghe di C"

Copied!
26
0
0

Teks penuh

(1)

LO SPAZIO LETTERARIO

DI ROMA ANTICA

Volume VI

I TE STI: 1. LA P OE S IA

Direttore

PIERGIORGIO PARRONI

A cura di

ALESSANDRO FUSI, ANGELO LUCERI,

PIERGIORGIO PARRONI, GIORGIO PIRAS

S

(2)

ABBREVIAZIONI BIBLIOGRAFICHE *

AL

R.

Anthologia Latina sive Poesis Latinae supplementum

, edd. F.

Buecheler-A. Riese, pars

i

.

Carmina in codicibus scripta

, 1-2, rec. A. Riese,

Leip-zig, Teubner, 1894-1906

2

(rist. Amsterdam, Hakkert, 1972-1973).

AL

Sh. B.

Anthologia Latina

,

i

.

Carmina in codicibus scripta

, rec. D.R. Shackleton

Bailey,

1.

Libri Salmasiani aliorumque carmina

, Stuttgart, Teubner,

1982

.

ANRW

Aufstieg und Niedergang der römischen Welt. Geschichte und Kultur Roms

im Spiegel der neueren Forschung

, hrsg. H. Temporini-W. Haase,

i

-,

Berlin (poi Berlin-New York), de Gruyter, 1972- (in

continuazio-ne).

Bieler,

Dichter

L. Bieler,

Nachaugusteische nichtchristliche Dichter

,

ii

.

Römische Dichtung

von Hadrian bis zum Ausgang des Altertums. Bericht über das Schrifttum

der Jahre 1926-1935

, in « Lustrum », a.

ii

1957, pp. 207-93.

CIL

Corpus inscriptionum Latinarum

,

i-,

Berlin (poi Berlin-New York),

Reimerus (poi de Gruyter), 1853- (in continuazione).

CLE

Anthologia Latina sive Poesis Latinae supplementum

, edd. F.

Buecheler-A. Riese, pars

ii

.

Carmina Latina epigraphica

, 1-2, conlegit F.

Bueche-ler, Leipzig, Teubner,

1895-1897;

iii.

Supplementum

, ed. E.

Lom-matzsch, ivi, id., 1926 (rist. Amsterdam, Hakkert, 1972).

CRF

Comicorum Romanorum praeter Plautum et Syri quae feruntur sententias

fragmenta

, rec. O. Ribbeck, Leipzig, Teubner, 1898

3

Scaenicae

Ro-manorum poesis fragmenta

»,

ii

).

Die römische Satire

Die römische Satire

, hrsg. J. Adamietz, Darmstadt, W

bg

, 1986.

DMP

Disiecti membra poetae. Studi di poesia latina in frammenti

, a cura di V.

Tandoi,

i

-

iii

, Foggia, Atlantica, 1984-1988.

Dramatische

Dramatische Wäldchen: Festschrift für Eckard Lefèvre zum 65. Geburtstag

,

Wäldchen

hrsg. E. Stärk-G. Vogt-Spira, Hildesheim, Olms, 2000.

EACL

B. Munk Olsen,

L’étude des auteurs classiques latins aux XI

e

et XII

e

siècles

,

i

.

Catalogue des manuscrits classiques latins copiés du IX

e

au XII

e

siècle:

Api-cius-Juvenal

, Paris,

Cnrs

,

1982;

ii

.

Catalogue

[ . . . ]

: Livius-Vitruvius

,

1985;

iii

/1.

Les classiques dans les bibliothèques médiévales

, 1987;

iii

/2.

Addenda et corrigenda. Tables

, 1989.

EO

Orazio: Enciclopedia Oraziana

,

i-iii

, Roma, Ist. della Enciclopedia

Italiana, 1996-1998.

EV

Enciclopedia Virgiliana

,

i

-

v

/2, Roma, Ist. della Enciclopedia Italiana,

1984-1991.

(3)

Filologia e forme

Filologia e forme letterarie: studi offerti a F. Della Corte

,

i-v

, Urbino,

letterarie

Univ., 1987.

FPL

Bl.

Fragmenta poetarum Latinorum epicorum et lyricorum praeter Ennium et

Lucilium

, post W. Morel novis curis adhibitis ed. C. Buechner, edit.

tertiam auctam cur. J. Blänsdorf, Leipzig, Teubner, 1995.

FPL

Bü.

Fragmenta poetarum Latinorum epicorum et lyricorum praeter Ennium et

Lucilium

, post W. Morel novis curis adhibitis ed. C. Buechner,

Leipzig, Teubner, 1982.

GGM

Geographi Graeci minores

, e codicibus recogn. prolegomenis ann.

in-dicibus instr. [ . . . ] C. Mullerus,

i-iii,

Parisiis, Didot, 1855-1861

(rist.

Hildesheim, Olms, 1965).

GL

Grammatici Latini

, ex rec. H. Keilii,

i-vii + Supplementum

, Leipzig,

Teubner, 1855-1880.

HLL

Handbuch der lateinischen Literatur der Antike

, hrsg. R. Herzog-P.L.

Schmidt,

i

.

Die archaische Literatur: Von den Anfängen bis Sullas Tod:

Die vorliterarische Periode und die Zeit von 240 bis 78 v. Chr.

, hrsg. W.

Suerbaum, München, Beck, 2002;

iv.

Die Literatur des Umbruchs: Von

der römischen zur christlichen Literatur (117-283 n. Chr.)

, hrsg. K.

Sall-mann, 1997;

v

.

Restauration und Erneuerung: Die lateinische Literatur

von 284 bis 374 n. Chr.

, hrsg. R. Herzog, 1989.

Hofmann-Szantyr J.B. Hofmann-A. Szantyr,

Lateinische Syntax und Stilistik

, München,

Beck, 1965 (riv. 1972).

Iambic Ideas

Iambic Ideas: Essays on a Poetic Tradition from Archaic Greece to the Late

Roman Empire

, ed. A. Cavarzere-A. Aloni-A. Barchiesi, Lanham

(Md.), Rowman and Littlefield, 2001.

ILS

Inscriptiones Latinae selectae

, ed. H. Dessau,

i-iii

, Berlin, Weidmann,

1892-1916.

Incontri triestini

Incontri triestini di filologia classica

, a cura di L. Cristante et al., Trieste,

Univ., 2003- (in continuazione).

MGH, AA

Monumenta Germaniae historica, Auctores antiquissimi

,

i-xv

, Berlin,

Weidmann, 1877-1919.

Otto

A. Otto,

Die Sprichwörter und sprichwörtlichen Redensarten der Römer

,

Leipzig, Teubner, 1890 (rist. Hildesheim, Olms, 1962).

PL

Patrologiae cursus completus

[ . . . ].

Series Latina

[ . . . ], accurante J.P.

Mi-gne,

i-ccxxi,

Parisiis, Garnier et J.P. Migne, 1844-1865 (con varie

ri-stampe).

PLLS

Papers of the Liverpool Latin Seminar

, Liverpool, Cairns, 1977-1986;

poi

Papers of the Leeds International Latin Seminar

, Leeds, Cairns,

1990- (in continuazione).

PLM

Baeh.

Poetae Latini minores

, rec. em. Ae. Baehrens,

i

-

v

, Leipzig, Teubner,

1879-1883.

(4)

Prefazioni, prologhi, Prefazioni, prologhi, proemi di opere tecnico-scientifiche latine

, a cura di C.

proemi

Santini-N. Scivoletto,

i

-

ii

, Roma, Herder, 1990-1992.

RAC

Reallexikon für Antike und Christentum. Sachwörterbuch zur

Auseinan-dersetzung des Christentum mit der antiken Welt

, hrsg. Th. Klauser-E.

Dassmann,

i

-, Stuttgart, Hiersemann,

1950- (in continuazione).

RE

Paulys Real-Encyclopädie der classischen Altertumswissenschaft

, hrsg. G.

Wissowa et al.,

i-xxiv

+

ia

-

xa

+

xv

Supplemente

, Stuttgart (poi

Mün-chen), Metzler (poi Drukkenmüller), 1893-1978.

ROL

Remains of Old Latin

, ed. transl. by E.H. Warmington,

i

-

iv

,

Cam-bridge (Mass.), Harvard Univ. Press, 1935-1940 (con varie

ristam-pe).

SLLRH

Studies in Latin Literature and Roman History

, ed. C. Deroux,

i-xiv

,

Bruxelles, Latomus,

1979-2008.

SVF

Stoicorum veterum fragmenta

, collegit I. ab Arnim,

i-iii

, Leipzig,

Teubner, 1903-1905;

iv

, ivi, id.,

1924

(con varie ristampe; trad. it. a

cura di R. Radice, Milano, Rusconi,

1998).

ThlL

Thesaurus linguae Latinae

,

i-,

Leipzig (poi Berlin-New York),

Teub-ner (poi de Gruyter), 1900- (in continuazione).

Timpanaro,

S. Timpanaro,

Contributi di filologia e di storia della lingua latina

,

Ro-Contributi

ma, Ateneo,

1978.

Timpanaro,

Nuovi

S. Timpanaro,

Nuovi contributi di filologia e storia della lingua latina

,

contributi

Bologna, Pàtron, 1994.

Tosi,

Dizionario

R. Tosi,

Dizionario delle sentenze latine e greche

, Milano, Rizzoli,

1991.

Traina,

Poeti latini

A. Traina,

Poeti latini (e neolatini). Note e saggi filologici

,

i-v

, Bologna,

Pàtron, 1975-1998 (

i

2

, 1986

).

TRF

Tragicorum Romanorum fragmenta

, rec. O. Ribbeck, Leipzig,

Teub-ner, 1897

3

Scaenicae Romanorum poesis fragmenta

»,

i

).

TT

Texts and Transmission. A Survey of the Latin Classics

, ed. by L.D.

Rey-nolds, Oxford, Univ. Press, 1983.

*

Avvertenza sui testi. –

I segni critici adottati nel testo latino e nella traduzione

so-no quelli consueti nella tradizione ecdotica: le parentesi uncinate (

‹ ›

) segnalano le

in-tegrazioni degli editori, le parentesi quadre ([ ]) porzioni di testo ritenute non genuine

e da espungere, le

cruces

(

† †

) quelle non sanabili, tre asterischi (***) una lacuna

ricono-sciuta ma non colmata.

(5)

II

TRA BUCOLICA ED ENCOM IO:

LE EC LOG H E

DI CALP URN IO S IC ULO

Le

Ecloghe

di Calpurnio Siculo rappresentano il tentativo di riprendere e

vivifi-care il genere bucolico attraverso l’innesto di alcuni elementi di novità in un

tessu-to essenzialmente ispiratessu-to ai due grandi maestri della tradizione pastessu-torale,

Teocri-to e Virgilio.

Concepiti, secondo l’ipotesi piú accreditata, nel primo quinquennio dell’impero

di Nerone (ma sulla cronologia dei singoli carmi c’è il massimo disaccordo tra gli

studiosi, che, pur all’interno del principato neroniano, li hanno collocati in un arco

cronologico ampio, tra 54 e 64 d.C.), i sette brevi componimenti si adattano al

gu-sto dell’epoca, da un lato soddisfacendo l’esigenza di una letteratura di evasione,

dall’altro sviluppando i temi celebrativi presenti

in nuce

nelle composizioni dei due

eccelsi predecessori bucolici.

Dal punto di vista tematico, accanto all’ecloga

v

, che recupera i toni didascalici

delle

Georgiche

, le

Ecloghe

si dividono in due gruppi, uno formato da tre

componi-menti, in cui piú spiccati sono i motivi celebrativi del principe e della sua politica (

i

,

iv

e

vii

, che, non a caso, occupano il posto iniziale, centrale e finale all’interno

del-la silloge), l’altro da tre carmi piú strettamente legati alle trame teocritee e

virgilia-ne (

ii

,

iii

,

vi

). Tale suddivisione, ovviamente, non tiene conto di interferenze e

sot-tili corrispondenze tra le varie ecloghe, nelle quali è possibile scorgere un organico

disegno poetico che prevede, da una parte, l’ingresso della realtà contemporanea

attraverso il piú disinvolto uso dell’allegoria, dall’altro un continuo richiamo alla

precedente tradizione bucolica, anche laddove i protagonisti paiono

intenzional-mente prenderne le distanze.

(6)

elegiaci in una cornice convenzionalmente bucolica, sembra ispirarsi all’idillio

xiv

di Teocrito, dov’era narrato il racconto fatto da Eschine all’amico Tionico sulle

pe-ne d’amore per Tinisca: in Calpurnio, infatti, protagonista è Iolla che, fattosi

detta-re da Licida parole d’amodetta-re per l’infedele Fillide, le incide su una scorza di ciliegio.

Il canto amebeo tra Coridone e Aminta, entrambi giudicati favorevolmente da

Melibeo, diviene nell’ecloga

iv

pretesto per un nuovo elogio del principe e della

sua corte, con la ripresa del motivo del ritorno dell’età dell’oro: se nella figura di

Coridone il poeta ritrova l’usuale

alter ego

, in quella di Melibeo egli adombra un

no-bile personaggio dell’

entourage

imperiale (Seneca, o, forse, Pisone) e in Titiro lo

stesso Virgilio, del quale non senza orgoglio si propone quale legittimo erede

poe-tico. Spunti di interessante originalità offre l’ecloga

v

, in cui il vecchio Micone

espone al giovane Canto i precetti per la cura del bestiame (dalla tosatura alla

lu-stratio

della stalla): il carme si rivela, in sostanza, un vero e proprio compendio del

li-bro

iii

delle

Georgiche

. A un contesto piú propriamente bucolico si richiama

l’eclo-ga

vi

, gara di canto tra i pastori Astilo e Licida: la tenzone, in realtà, rompe gli

sche-mi topici del genere, dal momento che i due contendenti, diversamente dagli

ac-comodanti pastori virgiliani, non evitano di rivolgersi reciproci insulti. Piú di tutti

si allontana dai motivi propri della bucolica la

vii

ecloga, nella quale il poeta sembra

svincolarsi, piú che altrove, dalla tradizione teocritea e virgiliana: il carme, infatti,

pur ambientato in campagna, dove, sulla scorta del celebre colloquio tra Titiro e

Melibeo, ha luogo l’incontro tra Coridone (ancora una volta maschera del poeta) e

il piú anziano Licota, si risolve nella particolareggiata descrizione di quanto il

mo-desto contadino ha potuto ammirare nell’anfiteatro da poco inaugurato in Campo

Marzio. La lode della

urbanitas

e delle sue raffinatezze, forse determinata anche

dall’influsso ovidiano, cela invero un ossequioso atto di omaggio verso il principe,

artefice di tanto splendore. Nell’ecloga finale, dove Coridone è costretto ad

am-mettere di non potersi accostare al giovane dio per via della sua umile origine, il

tentativo di Calpurnio di nobilitare il genere attraverso una poesia piú elevata e

pri-va dei consueti riferimenti al mondo agreste non riesce cosí ad approdare ai

risulta-ti cui, sollevando il tono, era giunta l’ecloga

vi

di Virgilio, ma finisce con lo

spoglia-re il contesto bucolico dei suoi aspetti essenziali. In tal senso, con Calpurnio il

filo-ne pastorale, poi continuato da Nemesiano, si mostra ormai quasi esaurito: in lui,

infatti, il tema bucolico appare in grado di fornire motivi di interesse soltanto ove si

leghi all’occasione celebrativa e ai motivi propri del panegirico (la stessa

impressio-ne si ricava dalla lettura dei coevi

Carmina Einsidlensia

, incapaci però di sollevarsi

dalla cifra di modeste

laudationes

del principe).

(7)

ECLOGAE

7

Lycotas, Corydon

Lycotas

Lentus ab Urbe venis, Corydon; vicesima certe

nox fuit, ut nostrae cupiunt te cernere silvae,

ut tua maerentes exspectant iubila tauri.

Corydon

O piger, o duro iam durior axe, Lycota,

qui veteres fagos nova quam spectacula mavis

5

cernere, quae patula iuvenis deus edit harena.

Eclogae. La viiecloga rappresenta l’esempio piú significativo di come Calpurnio Siculo, pur vin-colato alla tradizione teocritea e virgiliana, tenti di rinnovarla con l’inserzione di elementi estranei al mondo agreste. Diversamente dalle altre due ecloghe “politiche” (la ie la iv), dove l’azione si svolge nella consueta atmosfera pastorale, qui la cornice bucolica, nella quale il poeta pare celarsi dietro il personaggio del rustico Coridone, diviene pretesto per contrapporre alla semplicità della vita campestre le meraviglie del mondo cittadino e, nella lode del principe, forse per esprimere l’a-spirazione dell’autore a un genere di poesia piú elevato. Il vivace realismo di alcune descrizioni (in particolare, dei giochi venatori indetti nel nuovo anfiteatro inaugurato nel 57 da Nerone, secondo la piú accreditata interpretazione), la finezza di alcune allusioni, il linguaggio apparentemente piano e scorrevole, benché letterariamente assai elaborato, rendono la composizione degna di una certa attenzione e nel passaggio dall’idillio all’encomio testimoniano l’ormai compiuto esauri-mento del filone pastorale. Il testo di riferiesauri-mento (a parte lievi scostamenti, di cui si dà conto nel commento) è quello di J. Amat (Paris, Les Belles Lettres, 1991).

7. Le meraviglie di Roma. Di ritorno da Roma, Coridone è accolto dai rimproveri del piú anziano Licota che, ignaro dei motivi del suo ritardo, gli rinfaccia di aver disertato la gara di canto, vinta, durante le feste primaverili, dall’assai modesto Stimicone. Senza reverenza alcuna, il pastore ri-sponde di non avere rimpianti, dopo aver assistito allo straordinario spettacolo offerto dal princi-pe nel maestoso anfiteatro ligneo in Campo Marzio. Suscitando l’approvazione di Licota, che non nasconde il suo rammarico per non avere piú molti anni da vivere nell’era di splendore inaugura-ta dal giovane imperatore, Coridone espone in detinaugura-taglio le meraviglie osservate, rivelando di non essere però riuscito ad accostare l’Augusto, per l’inadeguatezza della sua rustica veste: egli ha do-vuto perciò accontentarsi di cogliere da lontano i tratti del giovane principe, godendone della di-vina bellezza, in tutto simile a quella di Marte e di Apollo.

(8)

LE

ECLOGHE

7

Licota, Coridone

Licota

Torni con ritardo da Roma, Coridone; sono almeno

venti notti che i nostri boschi desiderano vederti,

che i tori, afflitti, attendono le tue canzoni pastorali.

Coridone

O Licota indolente, ancor piú duro di un dura tavola di legno,

che preferisci contemplare i vecchi faggi piuttosto che i nuovi

5

spettacoli, che un giovane dio fa rappresentare nell’ampia arena.

vii ecloga virgiliana, secondo la maggior parte degli interpreti rappresenterebbe un alter egodel

(9)

Lycotas

Mirabar quae tanta foret tibi causa morandi,

cur tua cessaret taciturnis fistula silvis

et solus Stimicon caneret pallente corymbo:

quem sine te maesti tenero donavimus haedo.

10

Nam, dum lentus abes, lustravit ovilia Thyrsis,

iussit et arguta iuvenes certare cicuta.

Corydon

Sit licet invictus Stimicon et praemia dives

auferat, accepto nec solum gaudeat haedo,

verum tota ferat quae lustrat ovilia Thyrsis.

15

Non tamen aequabit mea gaudia, nec mihi, si quis

omnia Lucanae donet pecuaria silvae,

grata magis fuerint quam quae spectavimus Urbe.

Lycotas

Dic age dic, Corydon, nec nostras invidus aures

despice: non aliter certe mihi dulce loquere,

20

quam cantare soles, quotiens ad sacra vocatur

aut fecunda Pales aut pastoralis Apollo.

8. taciturnis . . . silvis: nel momento in cui il flauto di Coridone tace (cessoha qui il significato assoluto di quiesco), i boschi, personificati già al v. 2, rimangono in silenzio (sulla scorta delle Bucoliche virgi-liane, la natura è dunque partecipe dei sentimenti umani). c9. et solus Stimicon caneret: il rimprove-ro che Licota rivolge a Coridone è essenzialmente quello di aver lasciato liberimprove-ro campo al meno esperto Stimicone, il quale risulta vincitore dell’agone per assenza di un degno concorrente. Il pa-store, ricordato anche da Mopso in Virgilio, Buc., 5 55, per aver lodato il canto di Menalca, è indi-cato da Calpurnio come vicino di Licida in Ecl., 6 83: qualche commentatore ha preteso di identi-ficarlo con Stazio, che da giovane aveva riportato un successo poetico nella natia Napoli. – pallen-te corymbo: infiorescenze a grappolo tipiche dell’edera, i corimbi erano spesso associati ai poeti o, tra le divinità, a Bacco, cfr., p. es., Properzio, ii30 39: tum capiti sacros patiar pendere corymbos(‘allora

(10)

greg-Licota

Mi chiedevo con stupore quale cosí importante motivo di indugio tu avessi,

perché la tua zampogna smettesse di risuonare nei boschi silenziosi

e da solo cantasse, ornato di pallidi corimbi, Stimicone:

lui che tristi senza di te abbiamo ricompensato con un tenero capretto.

10

Infatti, mentre tu ti attardavi lontano, Tirsi ha purificato gli ovili,

e ha invitato i giovani a scendere in gara con il flauto melodioso.

Coridone

Resti pure insuperato Stimicone e si accaparri premi

fino ad arricchirsi e non gioisca solo del dono del capretto,

ma si porti pure via tutte le greggi degli ovili che Tirsi purifica.

15

Non potrà comunque eguagliare la mia gioia, né a me, se anche

mi fosse fatto dono di tutto il bestiame del pascolo di Lucania,

sarebbe piú gradito di quello che ho visto a Roma.

Licota

Racconta, allora, racconta, Coridone, e non disdegnare, ostile,

le mie orecchie: di certo mi parlerai con la stessa dolcezza,

20

con cui sei solito cantare, ogni volta che ai sacri riti si invocano

la feconda Pale o Apollo, dio dei pastori.

gi (lustratio) coincideva con le feste in onore di Pale (vd. v. 22), evocate anche in Ecl., 2 63 e 5 25. I co-siddetti Paliliao Pariliaerano celebrati il 21aprile: in tale occasione, con riti e sacrifici espiatori, i pa-stori invocavano tra i canti la protezione delle divinità, cfr., p. es., Tibullo, ii5 87-88: ac madidus

Bac-cho sua festa Parilia pastor / concinet (‘e ubriaco di vino il pastore celebrerà con il canto le sue feste in onore di Pale’). A una lustratioil poeta fa riferimento anche in Ecl., 5 89-90. – Thyrsis: anch’egli per-sonaggio pienamente attestato nella tradizione bucolica (cfr. Teocrito, Id., 1e Virgilio, Buc., 7), nel-l’ecloga 2 di Calpurnio assume il ruolo di pastore-giudice negli agoni poetici. c13. dives: l’aggettivo è prolettico, in funzione dell’arricchirsi di Stimicone, proprio in seguito alle vittorie ludiche. c17. Lucanae . . . silvae: nel I sec. la Lucania comprendeva anche parte dell’attuale Campania meridiona-le. Data la proverbiale ricchezza dei suoi pascoli (cfr., p. es., Orazio, Epod., 127-28, e Epist., ii2

(11)

pri-Corydon

Vidimus in caelum trabibus spectacula textis

surgere, Tarpeium prope despectantia culmen

immensosque gradus et clivos lene iacentes.

25

Venimus ad sedes, ubi pulla sordida veste

inter femineas spectabat turba cathedras.

Nam quaecumque patent sub aperto libera caelo,

aut eques aut nivei loca densavere tribuni.

Qualiter haec patulum concedit vallis in orbem

30

et sinuata latus resupinis undique silvis

inter continuos curvatur concava montes,

sic ibi planitiem curvae sinus ambit harenae

et geminis medium se molibus alligat ovum.

Quid tibi nunc referam, quae vix suffecimus ipsi

35

per partes spectare suas? Sic undique fulgor

percussit. Stabam defixus et ore patenti

cunctaque mirabar necdum bona singula noram,

cum mihi tum senior, lateri qui forte sinistro

(12)

Coridone

Ho visto levarsi fino al cielo un anfiteatro di travi connesse,

che quasi dominava l’alta rupe Tarpea,

e i gradini immensi e i lati lievemente digradanti.

25

Sono giunto ai posti, dove una folla di popolani in veste scura

assisteva allo spettacolo fra i sedili riservati alle donne.

Infatti, dovunque vi erano spazi liberi non coperti,

si erano lí affollati o cavalieri o tribuni in toga bianca.

Come questa valle si apre in ampio cerchio

30

e, piegando ad arco i suoi lati tra boschi che si adagiano tutt’intorno,

si distende in cavità fra ininterrotte montagne,

cosí là un concavo spazio delimita il piano dell’arena ricurva

e l’ovale al centro si congiunge a due edifici gemelli.

Come riferirti adesso ciò che a stento io stesso ho potuto osservare

35

in tutti i suoi dettagli? A tal punto mi ha colpito da ogni parte

lo splendore. Stavo immobile e a bocca aperta e ammiravo

tutto quanto e non avevo ancora apprezzato le singole meraviglie,

quando un vecchio, che per caso mi stava accanto, al lato sinistro:

campi intra anni spatium fabricato dedit, neminem occidit(‘Nello spettacolo gladiatorio, che diede nel-l’anfiteatro ligneo fatto costruire nel giro di un anno nella regione del Campo Marzio, non per-mise che venisse ucciso nessuno’). La notazione assume un valore fondamentale per la ricostru-zione della biografia di Calpurnio e fornisce un terminus post quemper la datazione dell’ecloga, che non andrà spostata però troppo oltre il 58 (la meraviglia del poeta stonerebbe, infatti, se riferita a una costruzione edificata parecchi anni prima). c24. Tarpeium prope despectantia culmen: l’afferma-zione è ovviamente iperbolica, poiché un anfiteatro ligneo difficilmente avrebbe potuto superare in altezza la rocca del Campidoglio, posto comunque a poca distanza dalla zona del Campo Mar-zio. c26-27. pulla sordida veste . . . turba: la veste scura (pulla) era caratteristica della plebe, che indos-sava generalmente soltanto una tunica. Insieme alle donne (vd. v. 27), i piú poveri occupavano i se-dili nella parte piú alta dell’anfiteatro (summa cavea), secondo precise disposizioni, piú volte regola-te dagli inregola-terventi imperiali. c29. aut eques aut nivei loca densavere tribuni: cavalieri e tribuni candidati, cioè ‘ricoperti della toga candida’ (la bianca veste indossata da chi aspirava a una carica, da cui l’ag-gettivo nivei), occupavano la zona intermedia situata tra i posti riservati alla plebe e quelli, piú in basso, destinati a senatori e autorità. Poiché, secondo la testimonianza di Tacito, Ann., xv32, tale

(13)

iunctus erat: « Quid te stupefactum, rustice », dixit,

40

« ad tantas miraris opes, qui nescius auri

sordida tecta, casas et sola mapalia nosti?

En ego iam tremulus et vertice canus et ista

factus in Urbe senex, stupeo tamen omnia: certe

vilia sunt nobis quaecumque prioribus annis

45

vidimus, et sordet quidquid spectavimus olim ».

Balteus en gemmis, en illita porticus auro

certatim radiant; nec non, ubi finis harenae

proxima marmoreo peragit spectacula muro,

sternitur adiunctis ebur admirabile truncis

50

et coit in rotulum, tereti qui lubricus axe

impositos subita vertigine falleret ungues

excuteretque feras. Auro quoque torta refulgent

retia, quae totis in harenam dentibus exstant,

dentibus aequatis; et erat – mihi crede, Lycota,

55

si qua fides – nostro dens longior omnis aratro.

Ordine quid referam? Vidi genus omne ferarum,

hic niveos lepores et non sine cornibus apros,

hic raram silvis etiam quibus editur alcen.

Vidimus et tauros, quibus aut cervice levata

60

deformis scapulis torus eminet aut quibus hirtae

testimoniano l’avvento in Roma di una nuova epoca. c43-44. ista factus in Urbe senex: l’espressione trova eco in Marziale, x96 2: Latia factus in Urbe senex. – certe: i precedenti editori ponevano un pun-to fermo dopo l’avverbio, considerapun-to conclusivo, ma la Di Salvo (Tipun-to Calpurnio Siculo, Ecloga vii,

(14)

« Perché, campagnolo, ti sorprendi », disse, « di essere stupefatto

40

innanzi a tanta ricchezza, tu che, ignaro dell’oro,

conosci solo misere dimore, capanne e tuguri desolati?

Ecco, anche io, che pure sono ormai tremante e bianco di capelli

e invecchiato in questa città, resto sbalordito di fronte a tutto questo:

proprio di poco conto è quanto abbiamo visto negli anni

45

passati, e appaiono una miseria gli spettacoli di un tempo ».

Ecco, il parapetto ornato di pietre preziose e il portico coperto d’oro

gareggiano nell’irradiare splendore; ugualmente, laddove il limite

dell’arena mette fine ai sedili in prossimità del muro marmoreo,

un mirabile congegno in avorio è steso su tronchi congiunti

50

e va a formare un cilindro capace, muovendo su di un asse circolare,

di far scivolare, con improvvisa rotazione, gli artigli postivi sopra

e di far piombare giú le fiere. Splendono anche le reti intessute in oro,

che si stendono sull’arena per mezzo di zanne tutte intere,

zanne di uguale misura; e ogni zanna era – credimi, Licota,

55

se hai un po’ di fiducia in me – piú lunga del nostro vomere.

Come riferirti in ordine ogni cosa? Ho visto ogni specie di animali selvatici,

qui lepri del colore della neve e cinghiali con le corna,

qui l’alce, raro anche nelle foreste dove nasce.

Ho visto anche tori, cui, liberata la cervice,

60

sporge dalle scapole una gobba deforme, o cui lungo il collo

sui quali era posto un cilindro dalla superficie sdrucciolevole (v. 51: coit in rotulum, tereti qui lubricus axe) che, fatto girare, non dava appiglio agli artigli delle fiere, proteggendo cosí gli spettatori delle prime file. c56. dens longior . . . aratro: aratroè sineddoche (totum pro parte) per dente aratri(‘vomere’). Plinio il Vecchio ricorda la rara amplitudodi alcune zanne di elefante inNat. hist., viii7. c57. Vidi ge-nus omne ferarum: Coridone inizia a descrivere gli animali ammirati nell’anfiteatro, in quella che, piú che una venatio, appare essere stata una semplice esposizione di bestie rare e curiose (lo spetta-colo sembra avere caratteristiche differenti dal munus gladiatoriumche Svetonio, Nero, 12 ricorda of-ferto dall’imperatore nel nuovo anfiteatro ligneo). c58. niveos lepores: si tratta evidentemente di le-pri alpine, nominate da Varrone, Rust., iii12 6, e Plinio il Vecchio, Nat. hist., viii217. La loro livrea muta da bianca in bruna in estate: il particolare confermerebbe l’ipotesi dello svolgimento dello spettacolo in primavera, quando appunto cadevano i Parilia(vd. v. 11) e anche i Floralia, festa nel cui ambito erano organizzati ludi dal carattere prevalentemente incruento, come quelli ammirati dal pastore. – non sine cornibus apros: Calpurnio allude qui non già a rinoceronti, ma a facoceri africani (anch’essi suidi, come i cinghiali), animali che possiedono lunghe zanne (Eliano, Hist. an., xvii10

(15)

al-iactantur per colla iubae, quibus aspera mento

barba iacet tremulisque rigent palearia saetis.

Nec solum nobis silvestria cernere monstra

contigit: aequoreos ego cum certantibus ursis

65

spectavi vitulos et equorum nomine dictum,

sed deforme pecus, quod in illo nascitur amne,

qui sata riparum vernantibus irrigat undis.

Ah! trepidi quotiens sola discedentis harenae

vidimus in partes, ruptaque voragine terrae

70

emersisse feras! Et in iisdem saepe cavernis

aurea cum croceo creverunt arbuta nimbo.

Lycotas

O felix Corydon, quem non tremebunda senectus

impedit! O felix, quod in haec tibi saecula primos

indulgente deo demittere contigit annos!

75

Nunc, tibi si propius venerandum cernere numen

fors dedit et praesens vultumque habitumque notasti,

dic age dic, Corydon, quae sit mihi forma deorum.

(16)

si agita una folta criniera, ai quali pende dal mento

una barba ispida e le giogaie sono irte di setole fluttuanti.

E non mi è capitato di vedere solo strane belve delle foreste:

io ho visto foche insieme a orsi tra loro in lotta,

65

e la bestia che dal cavallo ha il nome,

ma che, mostruosa, nasce in quel fiume

che quando ha le acque in piena inonda i campi delle sue rive.

Ah! Quante volte, tutto spaventato, ho visto le fondamenta dell’arena

aprirsi in due ed emergere fiere dalla dischiusa voragine

70

del terreno! E in quelle medesime cavità spesso

sono cresciuti arbusti dorati insieme a una nube di croco.

Licota

O beato Coridone, cui la tremante vecchiaia non è d’impedimento!

O beato, perché, per l’indulgenza di un dio, hai avuto in sorte

di far cadere in quest’epoca gli anni della giovinezza!

75

Ora, se la sorte ti ha concesso di vedere da vicino la veneranda

divinità e se di persona ne hai osservato il volto e il portamento,

rivelami, su, rivelami, Coridone, qual è l’aspetto del dio.

(17)

Corydon

O utinam nobis non rustica vestis inesset!

Vidissem propius mea numina! Sed mihi sordes

80

pullaque paupertas et adunco fibula morsu

obfuerunt, utcumque tamen conspeximus ipsum

longius; ac nisi me visus decepit, in uno

et Martis vultus et Apollinis esse putavi.

(18)

l’iper-Coridone

Ah, se solo non avessi avuto addosso l’abito da campagnolo!

Avrei visto piú da vicino il mio dio! Ma la veste trasandata

80

e scura da popolano e la fibbia dal dente ricurvo

me lo hanno impedito, in qualche modo, comunque,

l’ho potuto ammirare da lontano; e, se la vista non mi ha ingannato,

in uno solo ho ravvisato esservi i tratti del volto di Marte e di Apollo.

(19)

INDICE

Presentazione

9

Abbreviazioni bibliografiche

1

3

I. L’EPOS

1

7

Nota introduttiva

1

9

I. L

’epica arcaica e gli

Annales

di Ennio

30

34-50 Sk. (= 35-5

1

V.

2

).

Il sogno di Ilia

34

1

75-79 Sk. (=

1

87-9

1

V.

2

).

Il taglio del bosco

36

II. I

l classicismo di età augustea: l’

Eneide

di Virgilio

38

iv

553-629.

La fuga da Cartagine e la maledizione di Didone

42

vi

679-75

1

.

L’incontro con Anchise: la purificazione delle anime

48

x

439-509.

L’uccisione di Pallante

56

xii

843-86.

Il lamento di Giuturna

64

III. L

e

Metamorfosi

di Ovidio: l’epica in trasformazione

70

iii

339-5

1

2.

Eco e Narciso. Narciso s’innamora di Narciso

74

iv

53-

1

66.

Il tragico amore di Piramo e Tisbe

88

IV. I

l ritorno dell’epos storico: il

Bellum civile

di Lucano

98

i

98-

1

82.

Alle radici del conflitto: Pompeo e Cesare

1

00

ix

734-838.

La marcia di Catone nel deserto: i serpenti di Libia

1

06

V. Sulle orme di Virgilio: l’epos tra mito e storia

11

8

1

. Il mito argonautico: Valerio Flacco

11

8

vii

1

-25.

La prima notte insonne di Medea

1

20

vii

1

0

1

-52.

La seconda notte: gli incubi di Medea

1

22

2. La lotta fratricida tra Eteocle e Polinice

: la

Tebaide

di Stazio

1

28

x

827-939.

La morte di Capaneo

1

30

3.

La seconda guerra punica: Silio Italico

1

42

ix

66-

1

77.

Un errore funesto: Satrico e Solimo

1

44

VI. L

’epica tra storia e panegirico: Claudiano e il

De bello

Go-thico

1

54

(20)

indice

II. LA POESIA DIDASCALICA

1

65

Nota introduttiva

1

67

I. I

l poema cosmologico-filosofico

1

72

1

. Lucrezio e la concezione epicurea dell’universo

1

72

i

1

-

1

58.

Protasi del poema

1

76

v

925-

1

090.

Emancipazione del genere umano dallo stato ferino

1

86

2. La cosmologia stoica di Manilio

200

i

474-53

1

.

Provvidenzialità della creazione

202

ii

57-

1

49.

Nuova materia di canto: le leggi del cosmo

206

II. L

a poesia del mondo naturale

2

1

4

1

. Virgilio e la scienza dei campi

2

1

4

Georg

.,

i

438-5

1

4.

Presagi di guerre civili e speranze di pace

2

1

8

Georg

.,

iv

1

49-227.

La vita delle api

224

2. Columella continuatore di Virgilio

232

x

1

94-229.

La semina e il risveglio della primavera

234

3. La cinegetica: Grattio e Nemesiano

238

Grattio,

Cyn.

, 30

1

-36.

Nascita e allevamento dei cuccioli

240

Nemesiano,

Cyn.

,

1

03-56.

Selezione della madre e della prole

242

4. L’astronomia: le traduzioni dei

Fenomeni

di Arato

248

Germanico,

Phaen

., 96-

1

39.

La costellazione della Vergine e il mito delle tre

età

252

5. La vulcanologia: il poemetto pseudo-virgiliano

Aetna

256

2

1

9-8

1

.

La polemica antivirgiliana

258

6. La geografia: Avieno e le traduzioni della

Periegesi

di Dionigi

264

Descr. orb.

, 257-90.

La descrizione della Libia

266

III.

La poesia mitologico-etiologica e i

Fasti

di Ovidio

270

iii

523-7

1

0.

Le idi di Marzo: le feste rituali di Anna Perenna e l’assassinio di

Cesare

272

IV. L

a poesia delle

artes

286

1

. Orazio e la teoria della letteratura

286

Ars

, 38-72.

Scelta dell’argomento e del linguaggio poetico

290

2. La metrica in versi di Terenziano Mauro

294

279-326.

L’ardua impresa del poeta tecnico

296

3. Medicina e poesia: il

Liber medicinalis

di Quinto Sereno

300

(21)

indice

V. O

vidio e la parodia del genere didascalico

306

Ars am.

,

ii

46

1

-590.

Ovidio, « lascivi praeceptor amoris »

308

III. IL TEATRO

3

1

9

Nota introduttiva

32

1

I. I

l teatro comico: Plauto

328

Men.

, 990-

1

049.

Uno schiavo ardimentoso

332

Most.

, 43

1

-53

1

.

La casa infestata

338

Most.

, 783-857.

Una cornacchia tra due avvoltoi

346

II.

Le commedie di Terenzio

354

Hec.

,

1

98-280.

L’odio tra suocere e nuore

358

Hec.

,

36

1

-4

1

4.

La malattia di Filomena

366

Ad

.,

635-7

1

2.

Un padre ideale

372

Ad

.,

7

1

9-62.

Una famiglia dissoluta

380

III.

Il teatro dell’orrore: le tragedie di Seneca

384

Phaedr.

, 85-

1

28.

Una passione fatale

388

Phaedr.

,

11

56-280.

La morte di Fedra e il lutto di Teseo

392

Thy.

,

1

22-75.

La colpa di Tantalo e la maledizione della stirpe

404

Thy.

, 885-9

1

9.

Il turpe banchetto

4

1

0

IV. LA LIRICA

4

1

5

Nota introduttiva

4

1

7

I. P

oesia dotta e lirica amorosa: il

Liber

di Catullo

422

5.

Viviamo finché siamo in tempo

426

1

0.

Un’amica sfrontata

426

11

.

L’addio definitivo

430

1

4

. Un dono sgradito

432

22.

Un poetastro incontenibile

436

30.

Un’amicizia tradita

438

3

1

.

Il felice ritorno

438

35.

Lettera a Cecilio

440

49.

Un elogio sperticato di Cicerone

442

(22)

indice

52.

Due politici ambiziosi

446

68B.

Il ringraziamento ad Allio e le pene di Laodamia (e di Catullo)

446

75.

Un’anima perduta

458

76

. Difficoltà di interrompere un lungo amore

460

1

08.

La giusta fine per un calunniatore

462

II. L

e raccolte liriche oraziane

464

Carm

.,

i

3

. Audacia della navigazione e follie del genere umano

468

Carm

.,

i

5.

Un pericolo scampato

472

Carm

.,

i

22.

L’integrità di vita salva dai pericoli

472

Carm

.,

i

23.

Simile a un cerbiatto

474

Carm

.,

i

3

1

.

Una modesta preghiera

476

Carm

.,

i

34.

Il tuono di Giove

478

Carm

.,

ii

1

4.

Fugacità delle ricchezze e della vita

480

Carm

.,

iii

8.

Un convito celebrativo

482

Carm

.,

iii

2

1

.

Le virtú del vino

486

Carm

.,

iv

3.

Sotto il segno di Melpòmene

488

Carm

.,

iv

7.

Inesorabilità del destino umano

490

Epod

., 4.

Uno schiavo arricchito

494

Epod

., 7.

Nefandezza delle guerre civili

496

III. L

a lirica d’occasione: le

Silvae

di Stazio

498

ii

4

. Il pappagallo di Atedio Meliore

500

V. L’ELEGIA

507

Nota introduttiva

509

I. I

l sogno idillico di Tibullo

5

1

8

ii

3.

Maledetta campagna!

520

II. D

all’amore di Cinzia alla poesia etiologica: l’esperienza

in-quieta di Properzio

528

i

3.

La visione celestiale di Cinzia addormentata

530

i

1

9.

Un grande amore va oltre la morte

534

iv

4.

Il tradimento per amore di Tarpea

536

III. V

ariazioni sul genere elegiaco: Ovidio

544

1

.

Gli

Amores

: il gioco galante dell’amore

544

(23)

indice

2.

L’elegia al femminile: le

Heroides

552

1

.

Penelope a Ulisse

554

3.

Il lamento dell’esule: i

Tristia

e le

Epistulae ex Ponto

564

Trist.

,

i

3

. Roma addio!

566

IV. T

ra epigramma ed elegia: i

Parentalia

di Ausonio

576

9.

Attusia Lucana Sabina, mia moglie

578

V. I

l viaggio e la memoria: il

De reditu suo

di Rutilio

Namazia-no

584

i

399-4

1

4.

Anche le città possono morire

586

i

439-52.

I monaci della Capraia, “nemici della luce”

588

i

5

11

-26.

I monaci della Gorgona, “peggiori dei veleni di Circe”

590

VI. L

’elegia della vecchiaia: Massimiano

594

2

1

-32; 55-74.

L’amore perduto: il rifiuto di una vecchiaia disgustosa

596

VI. LA POESIA BUCOLICA

603

Nota introduttiva

605

I. L

a poesia pastorale di Virgilio

609

Buc.

, 2.

Lamento d’amore

6

1

2

II. T

ra bucolica ed encomio: le

Ecloghe

di Calpurnio Siculo

620

7.

Le meraviglie di Roma

622

III. L

’ultima ripresa del genere bucolico: le

Ecloghe

di

Nemesia-no

634

3.

Il canto di Pan: Bacco e la prima vendemmia

636

VII. LA SATIRA

645

Nota introduttiva

647

I.

L’

inventor

del genere: Lucilio

652

1

326-38 M.

Cos’è la virtú?

654

II.

Il

sermo

oraziano

656

1

.

La satira

656

(24)

indice

2.

L’epistola poetica

670

i

11

.

L’irrequieta inerzia

672

III.

Il rigore stoico di Persio

676

Choliambi. Il poeta semirustico

678

5

1

-5

1

-

Il discepolo e il maestro

680

IV.

La satira indignata di Giovenale

686

6

1

-37

. Il declino della morale

688

6

11

4-35.

La prostituta imperiale

690

6

1

84-99

. Fanno l’amore in greco!

692

6 246-67

. La gladiatrice

694

6 398-4

1

2

. La pettegola

696

6 434-56

. La dotta

698

6 627-6

1

.

L’avvelenatrice

700

VIII. L’EPIGRAMMA

705

Nota introduttiva

707

I. G

li

studia leviora

del filosofo o un falso intenzionale? Gli

epigrammi attribuiti a Seneca

7

1

2

AL

, 236 R. (= 228 Sh. B.; 2 P.).

Corsica, risparmia chi è sepolto!

7

1

4

II

. La musa epigrammatica di Marziale

7

1

6

iv 49

.

Serietà dell’epigramma

720

x 4.

La mia pagina ha il sapore dell’uomo

722

ii 77.

Quando l’epigramma è lungo

724

i

11

0.

A un critico

726

ix 59.

Una giornata per negozi

726

x 70.

Gli impegni del poeta cliente

728

v 34.

In morte di Erotion

730

i

1

0.

Un pretendente sospetto

732

iii 9.

Un poeta inesistente

732

viii

1

9

. Povertà simulata

732

i 38.

Un plagiario

734

ix

1

5.

Confessione involontaria

734

i

1

02.

Un pittore malizioso

734

(25)

indice

i 68.

Follia d’amore

736

ix 73.

Il ciabattino arricchito

738

v

1

3.

L’orgoglio del poeta povero

740

i 20.

Augurio a un ospite gretto

740

iii 44.

Sei troppo poeta!

742

Epigr

.,

1

.

La meraviglia delle meraviglie

744

iii 65.

Il profumo dei baci

744

xi 35.

A cena da solo

746

xii 34.

Bilancio di un’amicizia

746

x 47.

La vita beata

748

xii 3

1

.

I doni di Marcella

750

III. L

’epigramma al tramonto dell’impero: gli

Epigrammata

Bo-biensia

752

45.

Su un’immagine di Didone, da un epigramma greco. La vera Didone

754

IX. LA FAVOLA

759

Nota introduttiva

76

1

Fedro,

App. Perottina

,

1

5.

La vedova e il soldato

766

SCHEDE BIO-BIBLIOGRAFICHE

L’Autore dell’

Aetna

773

Ausonio

774

Avieno

779

Calpurnio Siculo

78

1

Catullo

784

Claudiano

793

Columella

796

Ennio

799

Fedro

803

Germanico

805

Giovenale

807

Grattio

8

1

0

Lucano

8

11

Lucilio

8

1

5

(26)

indice

Manilio

820

Marziale

823

Massimiano

826

Nemesiano

828

Orazio

829

Ovidio

842

Persio

852

Plauto

854

Properzio

862

Rutilio Namaziano

865

Seneca

868

Quinto Sereno

876

Silio Italico

877

Stazio

880

Terenziano Mauro

884

Terenzio

884

Tibullo

889

Valerio Flacco

892

Virgilio

895

INDICI

Indice dei nomi e delle cose notevoli

9

1

3

Referensi

Dokumen terkait

Bahwa sesuai dengan Peraturan Presiden Republik Indonesia 4 Tahun 2015 tentang Perubahan Ke empat Atas Peraturan Presiden Nomor 54 Tahun 2010 Tentang Pengadaan Barang/Jasa

Berdasarkan hasil pengkajian keluarga 1 dan keluarga 2 didapatkan diagnosa ketidakmampuan koping keluarga dalam 5 tugas keluarga yaitu : ketidakmampuan keluarga

Pada penelitian tersebut karakteristik bobot badan dan ukuran dimensi tubuh diamati untuk menduga bobot badan mengingat bobot badan merupakan sifat yang memiliki nilai

43 In this study, the researcher used online newspaper as an authentic reading material in the classroom to. make students interest in reading and also promote extensive

Penelitian Tindakan Kelas yang telah peneliti beri judul “Penggunaan Permainan lego Dalam Bidang Pengembangan Kognitif untuk Mening- katkan Kreativitas Anak Usia Dini di PPT

Kinestetik adalah alat penerima rangsangan yang ber bentuk saraf dan otot yang terdapat pada tubuh manusia. Vestibular adalah perasaan gerak yg terletak didalam

Discover Magazine April 2013 edition would be the object of this thesis because on. this edition, there are many topics about the natural environment and

Dibuatnya Keempat Undang Undang Tersebut karena aturan-aturan yang termuat dalam Kitab Undang Undang Hukum Perdata tidak sesuai dengan falsafah bangsa Indonesia dan tidak