• Tidak ada hasil yang ditemukan

Lelegia della vecchiaia Massimiano in L

N/A
N/A
Protected

Academic year: 2017

Membagikan "Lelegia della vecchiaia Massimiano in L"

Copied!
21
0
0

Teks penuh

(1)

LO SPAZIO LETTERARIO

DI ROMA ANTICA

Volume VI

I TE STI: 1. LA P OE S IA

Direttore

PIERGIORGIO PARRONI

A cura di

ALESSANDRO FUSI, ANGELO LUCERI,

PIERGIORGIO PARRONI, GIORGIO PIRAS

S

(2)

ABBREVIAZIONI BIBLIOGRAFICHE *

AL

R.

Anthologia Latina sive Poesis Latinae supplementum

, edd. F.

Buecheler-A. Riese, pars

i

.

Carmina in codicibus scripta

, 1-2, rec. A. Riese,

Leip-zig, Teubner, 1894-1906

2

(rist. Amsterdam, Hakkert, 1972-1973).

AL

Sh. B.

Anthologia Latina

,

i

.

Carmina in codicibus scripta

, rec. D.R. Shackleton

Bailey,

1.

Libri Salmasiani aliorumque carmina

, Stuttgart, Teubner,

1982

.

ANRW

Aufstieg und Niedergang der römischen Welt. Geschichte und Kultur Roms

im Spiegel der neueren Forschung

, hrsg. H. Temporini-W. Haase,

i

-,

Berlin (poi Berlin-New York), de Gruyter, 1972- (in

continuazio-ne).

Bieler,

Dichter

L. Bieler,

Nachaugusteische nichtchristliche Dichter

,

ii

.

Römische Dichtung

von Hadrian bis zum Ausgang des Altertums. Bericht über das Schrifttum

der Jahre 1926-1935

, in « Lustrum », a.

ii

1957, pp. 207-93.

CIL

Corpus inscriptionum Latinarum

,

i-,

Berlin (poi Berlin-New York),

Reimerus (poi de Gruyter), 1853- (in continuazione).

CLE

Anthologia Latina sive Poesis Latinae supplementum

, edd. F.

Buecheler-A. Riese, pars

ii

.

Carmina Latina epigraphica

, 1-2, conlegit F.

Bueche-ler, Leipzig, Teubner,

1895-1897;

iii.

Supplementum

, ed. E.

Lom-matzsch, ivi, id., 1926 (rist. Amsterdam, Hakkert, 1972).

CRF

Comicorum Romanorum praeter Plautum et Syri quae feruntur sententias

fragmenta

, rec. O. Ribbeck, Leipzig, Teubner, 1898

3

Scaenicae

Ro-manorum poesis fragmenta

»,

ii

).

Die römische Satire

Die römische Satire

, hrsg. J. Adamietz, Darmstadt, W

bg

, 1986.

DMP

Disiecti membra poetae. Studi di poesia latina in frammenti

, a cura di V.

Tandoi,

i

-

iii

, Foggia, Atlantica, 1984-1988.

Dramatische

Dramatische Wäldchen: Festschrift für Eckard Lefèvre zum 65. Geburtstag

,

Wäldchen

hrsg. E. Stärk-G. Vogt-Spira, Hildesheim, Olms, 2000.

EACL

B. Munk Olsen,

L’étude des auteurs classiques latins aux XI

e

et XII

e

siècles

,

i

.

Catalogue des manuscrits classiques latins copiés du IX

e

au XII

e

siècle:

Api-cius-Juvenal

, Paris,

Cnrs

,

1982;

ii

.

Catalogue

[ . . . ]

: Livius-Vitruvius

,

1985;

iii

/1.

Les classiques dans les bibliothèques médiévales

, 1987;

iii

/2.

Addenda et corrigenda. Tables

, 1989.

EO

Orazio: Enciclopedia Oraziana

,

i-iii

, Roma, Ist. della Enciclopedia

Italiana, 1996-1998.

EV

Enciclopedia Virgiliana

,

i

-

v

/2, Roma, Ist. della Enciclopedia Italiana,

1984-1991.

(3)

Filologia e forme

Filologia e forme letterarie: studi offerti a F. Della Corte

,

i-v

, Urbino,

letterarie

Univ., 1987.

FPL

Bl.

Fragmenta poetarum Latinorum epicorum et lyricorum praeter Ennium et

Lucilium

, post W. Morel novis curis adhibitis ed. C. Buechner, edit.

tertiam auctam cur. J. Blänsdorf, Leipzig, Teubner, 1995.

FPL

Bü.

Fragmenta poetarum Latinorum epicorum et lyricorum praeter Ennium et

Lucilium

, post W. Morel novis curis adhibitis ed. C. Buechner,

Leipzig, Teubner, 1982.

GGM

Geographi Graeci minores

, e codicibus recogn. prolegomenis ann.

in-dicibus instr. [ . . . ] C. Mullerus,

i-iii,

Parisiis, Didot, 1855-1861

(rist.

Hildesheim, Olms, 1965).

GL

Grammatici Latini

, ex rec. H. Keilii,

i-vii + Supplementum

, Leipzig,

Teubner, 1855-1880.

HLL

Handbuch der lateinischen Literatur der Antike

, hrsg. R. Herzog-P.L.

Schmidt,

i

.

Die archaische Literatur: Von den Anfängen bis Sullas Tod:

Die vorliterarische Periode und die Zeit von 240 bis 78 v. Chr.

, hrsg. W.

Suerbaum, München, Beck, 2002;

iv.

Die Literatur des Umbruchs: Von

der römischen zur christlichen Literatur (117-283 n. Chr.)

, hrsg. K.

Sall-mann, 1997;

v

.

Restauration und Erneuerung: Die lateinische Literatur

von 284 bis 374 n. Chr.

, hrsg. R. Herzog, 1989.

Hofmann-Szantyr J.B. Hofmann-A. Szantyr,

Lateinische Syntax und Stilistik

, München,

Beck, 1965 (riv. 1972).

Iambic Ideas

Iambic Ideas: Essays on a Poetic Tradition from Archaic Greece to the Late

Roman Empire

, ed. A. Cavarzere-A. Aloni-A. Barchiesi, Lanham

(Md.), Rowman and Littlefield, 2001.

ILS

Inscriptiones Latinae selectae

, ed. H. Dessau,

i-iii

, Berlin, Weidmann,

1892-1916.

Incontri triestini

Incontri triestini di filologia classica

, a cura di L. Cristante et al., Trieste,

Univ., 2003- (in continuazione).

MGH, AA

Monumenta Germaniae historica, Auctores antiquissimi

,

i-xv

, Berlin,

Weidmann, 1877-1919.

Otto

A. Otto,

Die Sprichwörter und sprichwörtlichen Redensarten der Römer

,

Leipzig, Teubner, 1890 (rist. Hildesheim, Olms, 1962).

PL

Patrologiae cursus completus

[ . . . ].

Series Latina

[ . . . ], accurante J.P.

Mi-gne,

i-ccxxi,

Parisiis, Garnier et J.P. Migne, 1844-1865 (con varie

ri-stampe).

PLLS

Papers of the Liverpool Latin Seminar

, Liverpool, Cairns, 1977-1986;

poi

Papers of the Leeds International Latin Seminar

, Leeds, Cairns,

1990- (in continuazione).

PLM

Baeh.

Poetae Latini minores

, rec. em. Ae. Baehrens,

i

-

v

, Leipzig, Teubner,

1879-1883.

PLM

Voll.

Poetae Latini minores

, ed. F. Vollmer,

i-v,

Leipzig,Teubner,

1910-1923.

abbreviazioni bibliografiche

(4)

Prefazioni, prologhi, Prefazioni, prologhi, proemi di opere tecnico-scientifiche latine

, a cura di C.

proemi

Santini-N. Scivoletto,

i

-

ii

, Roma, Herder, 1990-1992.

RAC

Reallexikon für Antike und Christentum. Sachwörterbuch zur

Auseinan-dersetzung des Christentum mit der antiken Welt

, hrsg. Th. Klauser-E.

Dassmann,

i

-, Stuttgart, Hiersemann,

1950- (in continuazione).

RE

Paulys Real-Encyclopädie der classischen Altertumswissenschaft

, hrsg. G.

Wissowa et al.,

i-xxiv

+

ia

-

xa

+

xv

Supplemente

, Stuttgart (poi

Mün-chen), Metzler (poi Drukkenmüller), 1893-1978.

ROL

Remains of Old Latin

, ed. transl. by E.H. Warmington,

i

-

iv

,

Cam-bridge (Mass.), Harvard Univ. Press, 1935-1940 (con varie

ristam-pe).

SLLRH

Studies in Latin Literature and Roman History

, ed. C. Deroux,

i-xiv

,

Bruxelles, Latomus,

1979-2008.

SVF

Stoicorum veterum fragmenta

, collegit I. ab Arnim,

i-iii

, Leipzig,

Teubner, 1903-1905;

iv

, ivi, id.,

1924

(con varie ristampe; trad. it. a

cura di R. Radice, Milano, Rusconi,

1998).

ThlL

Thesaurus linguae Latinae

,

i-,

Leipzig (poi Berlin-New York),

Teub-ner (poi de Gruyter), 1900- (in continuazione).

Timpanaro,

S. Timpanaro,

Contributi di filologia e di storia della lingua latina

,

Ro-Contributi

ma, Ateneo,

1978.

Timpanaro,

Nuovi

S. Timpanaro,

Nuovi contributi di filologia e storia della lingua latina

,

contributi

Bologna, Pàtron, 1994.

Tosi,

Dizionario

R. Tosi,

Dizionario delle sentenze latine e greche

, Milano, Rizzoli,

1991.

Traina,

Poeti latini

A. Traina,

Poeti latini (e neolatini). Note e saggi filologici

,

i-v

, Bologna,

Pàtron, 1975-1998 (

i

2

, 1986

).

TRF

Tragicorum Romanorum fragmenta

, rec. O. Ribbeck, Leipzig,

Teub-ner, 1897

3

Scaenicae Romanorum poesis fragmenta

»,

i

).

TT

Texts and Transmission. A Survey of the Latin Classics

, ed. by L.D.

Rey-nolds, Oxford, Univ. Press, 1983.

*

Avvertenza sui testi. –

I segni critici adottati nel testo latino e nella traduzione

so-no quelli consueti nella tradizione ecdotica: le parentesi uncinate (

‹ ›

) segnalano le

in-tegrazioni degli editori, le parentesi quadre ([ ]) porzioni di testo ritenute non genuine

e da espungere, le

cruces

(

† †

) quelle non sanabili, tre asterischi (***) una lacuna

ricono-sciuta ma non colmata.

(5)

V

(6)

VI

L’ELEG IA DELLA VECC H IAIA: MAS S I M IANO

La straordinaria parabola dell’elegia latina, iniziata nel I sec. con l’opera, quasi

totalmente perduta, di Cornelio Gallo, si conclude, circa cinque secoli dopo, con i

distici del poeta Massimiano, che non a caso nella tradizione manoscritta sono

sta-ti talvolta attribuista-ti all’inventor

del genere elegiaco a Roma.

Nei sei componimenti massimianei (343 distici elegiaci), talora considerati come

un unico carmen continuum, fantasia e rievocazione letteraria si uniscono alla

dimen-sione autobiografica che, tratto essenziale dell’elegia latina, informa i due motivi

dominanti della raccolta: il pensiero sulla caducità delle cose umane e il rifiuto di

una vecchiaia che, con i suoi malanni, nega all’uomo ogni conforto. La poesia di

Massimiano non è però legata soltanto al rimpianto per la perduta giovinezza, se

al-le note di pensosa amarezza si accompagnano risvolti talvolta persino ironici (si

pensi all’elogio funebre della mentula

nell’elegia v) o riflessioni piuttosto impegnate

sulle due forze, eros e morte, che governano con pari ineluttabilità la vita umana,

senza contare che i frequenti interrogativi sul rapporto tra sensualità e castità

pre-suppongono il condizionamento, mai del tutto esplicitato, della morale cristiana.

La raccolta massimianea, lungi dal configurarsi come una silloge di carmi sparsi,

presenta una struttura ordinata, in cui il poeta racconta vari episodi della sua vita in

funzione di una compiuta riflessione da vegliardo. La i

elegia (292 versi), in

parti-colare, è costituita da una nostalgica rassegna delle passate attività (gli studi a Roma,

il successo nel Foro, la gagliardia del fisico, l’impeto di voluttuose passioni),

rievo-cate in un’età che avvilisce il poeta fino a renderlo oggetto di scherno per i giovani.

Nel secondo, piú breve, componimento (74 versi) Licoride, la donna a lungo

ama-ta, che non a caso porta il nome fittizio della fanciulla cantata da Gallo, cercando

piú giovani amanti allontana con disgusto il poeta che, rassegnato, le rivolge

l’invi-to a tradurre almeno in tenero affetl’invi-to gli slanci ormai sopiti della passione (2 7

1

:

pie-tas succedat amori). Nella iii

elegia (94 versi) Massimiano racconta la sua giovanile

storia con Aquilina, un amore dapprima contrastato, quindi frenato dalla volontà

del poeta di dominare i propri istinti. Di rilievo appare, nel carme, la figura di

Boe-zio, del quale l’elegiaco rievoca gli insegnamenti, rivelando un’ammirazione per il

filosofo, che, se proprio non determinata da un reale discepolato, gli deriva

senz’al-tro dalla lettura attenta e meditata della Consolatio philosophiae. Anche l’elegia

iv

(60

versi) ha per oggetto una vicenda autobiografica, il ricordo della scandalosa

rela-zione con la danzatrice Candida: l’antico amore giovanile è richiamato con pudore

dal poeta che, ormai invecchiato, ammette che anche il saggio rischia di soggiacere

al cieco impulso di rovinose passioni. L’elegia

v

(

1

56 versi) è invece dedicata a un

(7)

595

vi · l’elegia della vecchiaia: massimiano

ha ceduto al fascino di una Graia puella

(5 6), ma, vittima dell’impotenza senile, ha

rinunciato a possederla per piú di una notte. Allo snervato poeta la fanciulla intona

allora un ironico compianto funebre della verga, che si risolve in una piú seria

ri-flessione sui destini del cosmo. La brevissima elegia finale (

1

0 versi) costituisce la

programmatica chiusa della silloge: Massimiano implora la vecchiaia, aetas verbosa

(6

1

), di accompagnarlo, cessati i lamenti, nell’ultimo viaggio: di fronte

all’inelutta-bilità della morte, al poeta, infatti, rimane la sola consolazione di aver lasciato

so-pravvivere nei carmi parte di sé.

(8)

VE RS U S MAXI M IAN I

2

1-32

; 55-74

En dilecta mihi nimium formosa Lycoris

cum qua mens eadem, res fuit una mihi!

Post multos, quibus indivisi viximus, annos

respuit amplexus, heu, pavefacta meos,

iamque alios iuvenes aliosque requirit amores.

5

Me vocat imbellem decrepitumque senem,

nec meminisse volens transactae dulcia vitae,

nec quod me potius reddidit ipsa senem,

immo etiam causas ingrata ac perfida fingit,

ut spretus vitio iudicer esse meo.

10

Haec me praeteriens cum dudum forte videret,

expuit obductis vestibus ora tegens.

« Hunc » inquit « dilexi? Hic me complexus amavit?

Versus Maximiani.Il brano prescelto riassume, meglio di ogni altro, i temi della raccolta elegiaca massimianea. Il continuo disgregarsi che coinvolge, oltre al fisico, la sfera dei sentimenti e dell’e-ros, relega il poeta a una condizione di penosa marginalità: ne è testimone il rifiuto oppostogli da Licoride, la donna che ha diviso con lui gran parte della vita e che ora lo evita, cercando piú giova-ni amanti (il nome rievoca chiaramente quello della puellaamata da Cornelio Gallo, unanime-mente considerato “padre” dell’elegia latina). Al vecchio, cui non rimane nemmeno piú la spe-ranza di un tenero affetto familiare, resta solo l’amarezza per l’ingratitudine della donna che, in un

flashdi straordinario realismo, egli vede quasi vomitargli addosso i resti del suo precedente e ormai perduto amore. Al di là di qualche intervento, di cui si dà conto nelle note, il testo di riferimento è quello curato da C. Sandquist Öberg (Stockholm, Almqvist & Wiksell, 1999).

2 1-32; 55-74. L’amore perduto: il rifiuto di una vecchiaia disgustosa. L’elegia può dividersi in tre parti. All’inizio trova posto il lamento del poeta per il disgusto con cui Licoride, da lungo tempo amata, lo allontana da sé, consapevole di una bellezza che, pur prossima allo sfiorire, conserva ancora par-te dell’antico vigore, come fiamma baluginanpar-te sotto la cenere (vv. 1-32). Il vecchio, che vede

sva-nire sempre piú le sue forze, sa bene che i giovani amanti, eccitati dal ricordo dei suoi passati am-plessi, non disdegneranno la donna, ma spera che ella, mossa, se non dal sentimento di un tempo, almeno dai pericoli dell’incertezza, non scelga di andare in cerca di ignoti piaceri (vv. 33-54, qui omessi). L’invito che le rivolge, dunque, è che, badando anche ai suoi non piú giovani anni, ella sottoponga al lume del raziocinio l’istinto della passione, traducendo gli ormai sopiti slanci amo-rosi in una sorta di affetto filiale, che sia per entrambi conforto al dolore per un’età degna solo di pianto (vv. 55-74).

1. formosa Lycoris: il nome di Licoride deriva a Massimiano dalla tradizione letteraria, che la ri-cordava come la donna amata e celebrata da Cornelio Gallo, cfr. Virgilio, Buc., 10 22; Ovidio, Am., i15 30; Trist., ii445; e Ars am., iii537; ma soprattutto Properzio, ii34 91-92: Et modo formosa quam

(9)

I VERSI DI MASSIMIANO

2

1

-32; 55-74

Ecco la mia amata, troppo bella Licoride,

con la quale ebbi una sola disposizione d’animo, una sola fortuna!

Dopo molti anni nei quali vivemmo indivisi,

rifiuta, ahimè, con orrore i miei amplessi,

e di altri giovani, di altri amori ormai va in cerca.

5

Mi chiama imbelle e decrepito vecchio,

e, senza intenzione di ricordare le dolcezze della vita passata

né che lei stessa è stata piuttosto a rendermi vecchio,

ingrata e perfida, inventa per di piú anche scuse,

perché mi si giudichi di essere disprezzato per mia colpa.

10

Costei, passandomi oltre, nel vedermi per caso poco fa,

ha sputato, tenuta alta la veste a coprirsi il viso.

« Questo » dice « ho avuto caro? Questo, tenutami avvinta, mi ha amato?

ta Lycoride Gallus / mortuus inferna vulnera lavit aqua!(‘E Gallo, da poco morto, quante ferite d’amore ha lavato nelle acque degli inferi per la bella Licoride!’), da cui il poeta sembra trarre in ultima ana-lisi l’aggettivo formosa. Si tratta ovviamente di uno pseudonimo poetico (come la Lesbia di Catul-lo, la Cinzia di Properzio e la Delia di Tibullo), a fronte di altri due nomi femminili (Aquilina e Candida) presenti nella raccolta e altresí attestati nell’onomastica tardoantica. c2. res fuit una mihi!: il termine resparrebbe alludere alla comunione del patrimonio e dei beni, tuttavia, sulla scorta del-la locuzione res habere, che nei comici individua spesso un “commercio amoroso”, non è escluso che nell’espressione si possa comprendere anche questo significato. c4. respuit amplexus . . . pavefac-ta: il modello è probabilmente Tibullo, i 9 74: et senis amplexus culta puella fugit(‘e, da fanciulla raffi-nata, rifugge dagli amplessi senili’). Pavefacta, attestato in parte della tradizione, appare preferibile al vulgato stupefactao al labefactaipotizzato da Baehrens. c6. imbellem decrepitumque senem: l’attribu-to decrepitus, frequente nella commedia per designare una vecchiaia del tutto priva di forze (cfr., p. es., Plauto, Merc., 291e 314, Asin., 863), accentua il tono derisorio degli insulti di Licoride che con l’epiteto di imbellisrinfaccia al poeta anche la sua senile impotenza (per tale valore dell’attributo cfr. Marziale, vii58 5, e Giovenale, 6 366). c8. nec quod . . . senem: la proposizione dipende dal memi-nissedel v. 7, in variatiorispetto al precedente costrutto oggettivale transactae dulcia vitae. c12. expuit . . . tegens: l’atto di sputare, compreso in molti rituali magici, serviva per stornare da sé i pericoli. Lico-ride lo compie come gesto apotropaico, per allontanare il poeta, divenutole evidentemente mole-sto piú di una disgrazia. Il quadretto ha ascendenza tibulliana, dove è descritta la derisione dei gio-vani per il vecchio innamorato, cfr. i2 97-98: Hunc puer, hunc iuvenis turba circumterit arta, / despuit in molles et sibi quisque sinus(‘Ragazzi e giovani gli si serrano intorno in fitta schiera, e ognuno sputa nelle morbide pieghe della propria veste’), ma l’immagine della veste sollevata a coprire il viso è presente, pur in altro contesto, anche in Ovidio, Met., x421-22: pudibundaque vestibus ora / texit, e Ci-ris, 342: paulatim tremebunda genis obducere vestem.

597

(10)

Huic ego saepe, nefas, oscula blanda dedi? ».

Nauseat et, priscum vomitu ceu fundat amorem,

15

imponit capiti plurima dira meo.

En, quid longa dies nunc affert! Ut sibi quisquam

quondam dilectum prodere turpe putet!

Nonne fuit melius tali me tempore fungi,

quo nulli merito despiciendus eram,

20

quam, postquam periit quicquid fuit ante decoris,

extinctum meritis vivere criminibus?

Iam nihil est totum quod viximus: omnia secum

tempus praeteriens horaque summa trahit.

Atque equidem nivei circumdant tempora cani

25

et iam caeruleus inficit ora color,

perstat adhuc nimiumque sibi speciosa videtur,

atque annos mecum despicit illa suos.

Et, fateor, primae retinet monimenta figurae,

atque inter cineres condita flamma manet.

30

Ut video, pulchris etiam vos parcitis, anni,

nec veteris formae gratia tota perit.

[ . . . ]

15. priscum vomitu ceu fundat amorem: con un’immagine di forte impatto realistico, il poeta paragona il rifiuto di Licoride a un vero e proprio rigetto fisico. Per vomitus, usato in senso metaforico, in re-lazione però ad insulti, cfr. già Plauto, Most., 651: Absolve hunc, quaeso, vomitu ne hic nos enecet(‘Pagalo, per favore, che non ci faccia crepare col vomito [delle sue ingiurie]’). c16. imponit capiti plurima dira meo: l’espressione ha qualche consonanza con Ovidio, Her., 20 127-28: inque caput nostrum dominae periuria quaeso / eveniant(‘e che possa ricadere sulla mia testa – lo imploro – lo spergiuro della mia padrona’) e soprattutto con Tibullo, i2 11-12: et mala siqua tibi dixit dementia nostra, / ignoscas: capiti sint precor illa meo (‘e se la mia follia ti ha lanciato male parole, perdonami: prego che ricadano sul mio capo’). c17. En, quid longa dies nunc affert!: un simile lamento in Giovenale, 10 265-66: Longa dies igitur quid contulit? Omnia vidit / eversa(‘Cosa ha recato dunque una lunga vita? Tutto ha visto sconvolto’).

c19-20. Nonne fuit melius . . . eram: il desiderio di una morte prematura era già espresso nella prima

elegia, quale unico rimedio all’odiosa vecchiaia, cfr. 1 111-12: Nunc quod longa mihi gravis est et inutilis aetas, / vivere cum nequeam, sit mihi posse mori(‘Ora che una lunga vita mi è inutile e di peso, dal mo-mento che non posso vivere pienamente, mi sia concesso di poter morire’). c21. postquam periit quicquid fuit ante decoris: la fuga della bellezza rappresenta il vero termine della vita umana. Il con-cetto è già presente in 19, dove il poeta afferma di aver goduto di fama e onore ‘Finché rimaneva il

giovanile portamento’ (Dum iuvenile decus . . . maneret). Il ‘decoro della giovinezza’, del resto, è il dis-crimine tra il puerdi belle speranze e il senexdestinato soltanto alla tomba in 1 105-6: Exultat levita-te puer, gravitalevita-te senectus, / inlevita-ter utrumque manens stat iuvenile decus(‘Il fanciullo gioisce della leggerez-za, il vecchio della serietà, tra l’uno e l’altro si pone ben saldo il decoro della giovinezza’). c23-24. omnia secum tempus . . . trahit: lo stesso pessimismo è in 1 109-10: Cuncta trahit secum vertitque volubile

(11)

A questo io ho dato spesso, che orrore, baci soavi? ».

Prova disgusto e, come rigettasse l’antico amore con un moto di vomito,

15

mi riversa sul capo parecchi accidenti.

Ecco, che cosa arreca ora una lunga vita! Che si ritenga

di abbandonare come turpe quel che si è avuto caro un giorno!

Non sarebbe stato meglio morire in quel tempo,

in cui a buon diritto non ero inviso a nessuno,

20

piuttosto che, svanita ogni bellezza del passato,

vivere morto tra biasimi meritati?

Nulla è ormai tutto ciò che abbiamo vissuto: tutto trascina con sé,

scorrendo, il tempo e l’ultima ora.

Certo, nivee canizie circondano le tempie

25

e già le segna il volto un colorito smorto,

ma ella continua a credersi ancora assai affascinante,

e insieme a me disprezza i suoi anni.

Sí, lo ammetto, conserva il ricordo della precedente bellezza,

e, tra la cenere, occulta, viva rimane la fiamma.

30

Come vedo, anche voi, anni, avete riguardo delle cose belle,

né perisce del tutto la grazia dell’antico fascino.

[ . . . ]

tempus / nec patitur certa currere quaeque via(‘Tutto trascina con sé e abbatte il tempo che passa né tol-lera che alcunché scorra su sicura via’) e 274: et nullum est, quod non tempore cedat, opus(‘e non c’è ope-ra che non crolli ai colpi del tempo’). c26. et iam caeruleus inficit ora color: accettiamo il testo offerto dalla maggior parte dei codici, contro la variante et iam caeruleis inficit hora notispreferita dalla Sand-quist Öberg. Quale segno dell’incipiente vecchiaia, insieme all’imbiancarsi delle tempie (v. 25), il poeta evidenzia la presenza sul volto di Licoride di un colorito smorto, che ne inizia a guastare la bellezza (inficioha il valore di ‘tingere superficialmente’ ma anche di ‘corrompere’, cfr., per i due significati, i passi senecani di Epist.,7131e 59 9). c29. fateor: memore forse dell’oraziano fis anus, et tamen / vis formosa videri(‘ti fai vecchia, e ancora vuoi apparire bella’) di Carm., iv13 2-3, nei versi

pre-cedenti Massimiano aveva rinfacciato con malcelata acredine a Licoride di non avvedersi dei segni del tempo; nel volgere di un momento, però, egli è costretto ad ammettere che, anche anziana, la donna mantiene parte del precedente fascino. c30. atque inter cineres condita flamma manet: il riferi-mento è ancora all’ode in cui Orazio rappresenta la sfiorita bellezza della vecchia Lice come una ‘fiaccola ridotta in cenere’ (Carm., iv13 28: dilapsam in cineres facem); l’immagine è però ribaltata e nel brillare del fascino di Licoride, simile a fiamma ancora viva sotto le ceneri, si riconosce anche un’e-co lontana delle celebri parole di Didone in Virgilio, Aen., iv23: Agnosco veteris vestigia flammae. c 33-54. Convinto che il ricordo degli anni trascorsi insieme non possa, da solo, distogliere Licoride dal proposito di abbandonarlo, Massimiano confida che ella, pure desiderata dai giovani, resti con lui, se non altro perché frenata dal timore di nuove situazioni: al riguardo, egli elenca una serie di topoi

a conferma di quanto viene poi esplicitamente enunciato al v. 54: Eventus varios res nova semper habet

(‘La novità ha sempre esiti diversi’).

599

(12)

Sum grandaevus ego, nec tu minus alba capillis:

55

par aetas animos conciliare solet.

Si modo non possum, quondam potuisse memento:

sit satis, ut placeam, me placuisse prius.

Permanet invalidis reverentia prisca colonis;

quod fuit in vetulo milite, miles amat;

60

rusticus expertum deflet cessisse iuvencum;

cum quo consenuit, victor honorat equum.

Non me adeo primis spoliavit floribus aetas:

en, facio versus et mea fata cano.

Sit gravitas sitque ipsa tibi veneranda senectus;

65

sit, quod te nosti vivere velle diu.

Quis suam in alterius condemnet crimine vitam

et, quo pertendit, claudere certet iter?

Dicere si fratrem seu dedignaris amicum,

dic patrem: affectum nomen utrumque tenet.

70

Vincat honor luxum, pietas succedat amori:

plus ratio quam vis caeca valere solet.

His lacrimis longos, quantum fas, flevimus annos:

est grave, quod doleat, commemorare diu.

56. par aetas . . . solet: in questa massima il poeta trasferisce alla comunanza di età il toposelegiaco del-la concordiae della filiöache unisce gli amanti in un foedusindissolubile e capace di vincere anche la morte, cfr., p. es., Tibullo, i169 sgg., e ii2 19-20, o ancora, in versi ritenuti per lo piú spuri, Ovidio, Ars am., ii669-70 (ma si pensi anche alla esemplare fedeltà coniugale di Filemone e Bauci, rievo-cata dal Sulmonese in Met., viii611-724). c57-58. Si modo . . . prius: il distico incastona due sententiaein un’elegante cornice formale, caratterizzata dalla raffinata dispositio verborume dal duplice polipto-to (possum/potuissee placeat/placuisse). c59. reverentia: a governare il rapporto tra gli antichi amanti non sarà piú la passione, ma il ‘rispetto’. Il poeta ne esemplifica le forme, ricordando il riguardo del contadino per il piú anziano colono, quello della recluta per il veterano, o ancora, trasferendolo al-le attività umane, la devozione dell’aratore per il suo bue o dell’auriga per il suo cavallo. c60. mili-te, miles: il ricordo del soldato sfiora soltanto il tema della militia amoris, con il quale, in ambito ele-giaco, l’amante si dichiarava fedele al servizio della sua donna. c62. victor honorat equum: contro il

vectorproposto nell’edizione del 1890 da Petschenig (e accolto dalla Sandquist Öberg), non sarà

inopportuno mantenere il victorche, tràdito unanimemente dai codici, riporta l’immagine al tra-dizionale mondo delle corse nel circo (il tema del cavallo invecchiato nell’arena risale addirittura al fereöyzgow iŒppowdi Ibico, frg., 6 6 P. [= 7 6 D.2]).

c64. en, facio versus et mea fata cano: all’attività di poe-ta, dispiegata con successo a Roma già nei primi anni, Massimiano fa chiaro riferimento in 1 11-12: Saepe poetarum mendacia dulcia finxi, / et veros titulos res mihi ficta dabat(‘Spesso creai dolci inganni di

(13)

Sono ben anziano io, né tu meno canuta nei capelli:

55

la pari età è solita accordare tra loro gli animi.

Se ora non ho forze, ricorda che una volta le ebbi:

basti, perché io ti piaccia, l’esserti piaciuto un tempo.

Ai coloni ormai senza forze si continua a dare l’antico rispetto;

il soldato di oggi apprezza quel che fu nel soldato anziano;

60

il contadino rimpiange che non ci sia piú il ben provato giovenco;

il vincitore degna di onore il cavallo insieme al quale è invecchiato.

Non a tal punto l’età mi ha spogliato delle qualità di un tempo:

ecco, io compongo versi e canto la mia sorte.

Sia per te degno di rispetto il decoro, e lo sia la stessa vecchiaia;

65

lo sia almeno, perché ben sai di voler vivere a lungo.

Chi condannerebbe la sua vita accusando un altro

e si sforzerebbe di chiudere la via per cui lui stesso s’incammina?

Se disdegni di chiamarmi fratello o amico,

chiamami padre: quel nome abbraccia l’uno e l’altro sentimento.

70

Il rispetto vinca la passione, segua un pio affetto allo slancio d’amore:

la ragione vale sempre di piú del cieco istinto.

Con queste lacrime, abbiamo pianto, per quanto lecito, l’annosa età:

è gravoso ricordare a lungo quel che addolora.

poeta e il parto della mia fantasia mi dava concreti riconoscimenti’). L’orgogliosa affermazione di voler narrare in prima persona i propri casi potrebbe essere intesa come una sorta di compiaciuta adesione del poeta all’autobiografismo elegiaco, dopo una produzione giovanile (primis . . . floribus

al v. precedente), dedicata all’esposizione di vicende fittizie ovvero di argomento mitologico (i

poetarum mendacia dulcia di 1 11). c68. claudere certet iter: espressione modellata su Ovidio, Pont., i16: ne suus hoc illis clauserit auctor iter. c69-70. Dicere si fratrem . . . dic patrem: nella tradizione elegiaca gli ap-pellativi di fratere amicusalludono a un sentimento diverso da quello maritale, sebbene non privo di affettuosa tenerezza, cfr., p. es., Tibullo, iii123-27: . . .tibi vir quondam, nunc frater, casta Neaera / . . . / teque suis iurat caram magis esse medullis, / sive sibi coniunx sive futura soror. / Sed potius coniunx(‘chi un tempo ti fu sposo e ora fratello, casta Neèra [ . . . ] e giura che piú delle sue fibre gli sei cara, sia che tu voglia essergli sposa o sorella. Ma meglio sposa’). L’espressione sembra riecheggiare il celebre Catullo, 72 3-4: Dilexi tum te non tantum ut vulgus amicam, / sed pater ut gnatos diligit et generos(‘Ti volli allora bene non come la gente ama un’amante, ma come il padre ama i figli, ama i generi’) e ha in sé qualcosa dell’apostrofe che Properzio rivolge a Cinzia in iii18c 33-34:Cum tibi nec frater nec sit tibi filius ullus, / frater ego et tibi sim filius unus ego(‘Dal momento che tu non hai né un fratello né figlio al-cuno, che possa io esserti fratello e unico figlio’). c71-72. Vincat honor . . . valere solet: il distico, di po-tente incisività, suggella in tono sentenzioso l’ideale proposto dal poeta di un affetto che, superan-do l’istinto della passione, leghi gli amanti oltre l’incombere della vecchiaia e della morte.

601

(14)

INDICE

Presentazione

9

Abbreviazioni bibliografiche

1

3

I. L’EPOS

1

7

Nota introduttiva

1

9

I. L

’epica arcaica e gli

Annales

di Ennio

30

34-50 Sk. (= 35-5

1

V.

2

).

Il sogno di Ilia

34

1

75-79 Sk. (=

1

87-9

1

V.

2

).

Il taglio del bosco

36

II. I

l classicismo di età augustea: l’

Eneide

di Virgilio

38

iv

553-629.

La fuga da Cartagine e la maledizione di Didone

42

vi

679-75

1

.

L’incontro con Anchise: la purificazione delle anime

48

x

439-509.

L’uccisione di Pallante

56

xii

843-86.

Il lamento di Giuturna

64

III. L

e

Metamorfosi

di Ovidio: l’epica in trasformazione

70

iii

339-5

1

2.

Eco e Narciso. Narciso s’innamora di Narciso

74

iv

53-

1

66.

Il tragico amore di Piramo e Tisbe

88

IV. I

l ritorno dell’epos storico: il

Bellum civile

di Lucano

98

i

98-

1

82.

Alle radici del conflitto: Pompeo e Cesare

1

00

ix

734-838.

La marcia di Catone nel deserto: i serpenti di Libia

1

06

V. Sulle orme di Virgilio: l’epos tra mito e storia

11

8

1

. Il mito argonautico: Valerio Flacco

11

8

vii

1

-25.

La prima notte insonne di Medea

1

20

vii

1

0

1

-52.

La seconda notte: gli incubi di Medea

1

22

2. La lotta fratricida tra Eteocle e Polinice

: la

Tebaide

di Stazio

1

28

x

827-939.

La morte di Capaneo

1

30

3.

La seconda guerra punica: Silio Italico

1

42

ix

66-

1

77.

Un errore funesto: Satrico e Solimo

1

44

VI. L

’epica tra storia e panegirico: Claudiano e il

De bello

Go-thico

1

54

(15)

indice

932

II. LA POESIA DIDASCALICA

1

65

Nota introduttiva

1

67

I. I

l poema cosmologico-filosofico

1

72

1

. Lucrezio e la concezione epicurea dell’universo

1

72

i

1

-

1

58.

Protasi del poema

1

76

v

925-

1

090.

Emancipazione del genere umano dallo stato ferino

1

86

2. La cosmologia stoica di Manilio

200

i

474-53

1

.

Provvidenzialità della creazione

202

ii

57-

1

49.

Nuova materia di canto: le leggi del cosmo

206

II. L

a poesia del mondo naturale

2

1

4

1

. Virgilio e la scienza dei campi

2

1

4

Georg

.,

i

438-5

1

4.

Presagi di guerre civili e speranze di pace

2

1

8

Georg

.,

iv

1

49-227.

La vita delle api

224

2. Columella continuatore di Virgilio

232

x

1

94-229.

La semina e il risveglio della primavera

234

3. La cinegetica: Grattio e Nemesiano

238

Grattio,

Cyn.

, 30

1

-36.

Nascita e allevamento dei cuccioli

240

Nemesiano,

Cyn.

,

1

03-56.

Selezione della madre e della prole

242

4. L’astronomia: le traduzioni dei

Fenomeni

di Arato

248

Germanico,

Phaen

., 96-

1

39.

La costellazione della Vergine e il mito delle tre

età

252

5. La vulcanologia: il poemetto pseudo-virgiliano

Aetna

256

2

1

9-8

1

.

La polemica antivirgiliana

258

6. La geografia: Avieno e le traduzioni della

Periegesi

di Dionigi

264

Descr. orb.

, 257-90.

La descrizione della Libia

266

III.

La poesia mitologico-etiologica e i

Fasti

di Ovidio

270

iii

523-7

1

0.

Le idi di Marzo: le feste rituali di Anna Perenna e l’assassinio di

Cesare

272

IV. L

a poesia delle

artes

286

1

. Orazio e la teoria della letteratura

286

Ars

, 38-72.

Scelta dell’argomento e del linguaggio poetico

290

2. La metrica in versi di Terenziano Mauro

294

279-326.

L’ardua impresa del poeta tecnico

296

3. Medicina e poesia: il

Liber medicinalis

di Quinto Sereno

300

(16)

indice

V. O

vidio e la parodia del genere didascalico

306

Ars am.

,

ii

46

1

-590.

Ovidio, « lascivi praeceptor amoris »

308

III. IL TEATRO

3

1

9

Nota introduttiva

32

1

I. I

l teatro comico: Plauto

328

Men.

, 990-

1

049.

Uno schiavo ardimentoso

332

Most.

, 43

1

-53

1

.

La casa infestata

338

Most.

, 783-857.

Una cornacchia tra due avvoltoi

346

II.

Le commedie di Terenzio

354

Hec.

,

1

98-280.

L’odio tra suocere e nuore

358

Hec.

,

36

1

-4

1

4.

La malattia di Filomena

366

Ad

.,

635-7

1

2.

Un padre ideale

372

Ad

.,

7

1

9-62.

Una famiglia dissoluta

380

III.

Il teatro dell’orrore: le tragedie di Seneca

384

Phaedr.

, 85-

1

28.

Una passione fatale

388

Phaedr.

,

11

56-280.

La morte di Fedra e il lutto di Teseo

392

Thy.

,

1

22-75.

La colpa di Tantalo e la maledizione della stirpe

404

Thy.

, 885-9

1

9.

Il turpe banchetto

4

1

0

IV. LA LIRICA

4

1

5

Nota introduttiva

4

1

7

I. P

oesia dotta e lirica amorosa: il

Liber

di Catullo

422

5.

Viviamo finché siamo in tempo

426

1

0.

Un’amica sfrontata

426

11

.

L’addio definitivo

430

1

4

. Un dono sgradito

432

22.

Un poetastro incontenibile

436

30.

Un’amicizia tradita

438

3

1

.

Il felice ritorno

438

35.

Lettera a Cecilio

440

49.

Un elogio sperticato di Cicerone

442

(17)

indice

934

52.

Due politici ambiziosi

446

68B.

Il ringraziamento ad Allio e le pene di Laodamia (e di Catullo)

446

75.

Un’anima perduta

458

76

. Difficoltà di interrompere un lungo amore

460

1

08.

La giusta fine per un calunniatore

462

II. L

e raccolte liriche oraziane

464

Carm

.,

i

3

. Audacia della navigazione e follie del genere umano

468

Carm

.,

i

5.

Un pericolo scampato

472

Carm

.,

i

22.

L’integrità di vita salva dai pericoli

472

Carm

.,

i

23.

Simile a un cerbiatto

474

Carm

.,

i

3

1

.

Una modesta preghiera

476

Carm

.,

i

34.

Il tuono di Giove

478

Carm

.,

ii

1

4.

Fugacità delle ricchezze e della vita

480

Carm

.,

iii

8.

Un convito celebrativo

482

Carm

.,

iii

2

1

.

Le virtú del vino

486

Carm

.,

iv

3.

Sotto il segno di Melpòmene

488

Carm

.,

iv

7.

Inesorabilità del destino umano

490

Epod

., 4.

Uno schiavo arricchito

494

Epod

., 7.

Nefandezza delle guerre civili

496

III. L

a lirica d’occasione: le

Silvae

di Stazio

498

ii

4

. Il pappagallo di Atedio Meliore

500

V. L’ELEGIA

507

Nota introduttiva

509

I. I

l sogno idillico di Tibullo

5

1

8

ii

3.

Maledetta campagna!

520

II. D

all’amore di Cinzia alla poesia etiologica: l’esperienza

in-quieta di Properzio

528

i

3.

La visione celestiale di Cinzia addormentata

530

i

1

9.

Un grande amore va oltre la morte

534

iv

4.

Il tradimento per amore di Tarpea

536

III. V

ariazioni sul genere elegiaco: Ovidio

544

1

.

Gli

Amores

: il gioco galante dell’amore

544

(18)

indice

2.

L’elegia al femminile: le

Heroides

552

1

.

Penelope a Ulisse

554

3.

Il lamento dell’esule: i

Tristia

e le

Epistulae ex Ponto

564

Trist.

,

i

3

. Roma addio!

566

IV. T

ra epigramma ed elegia: i

Parentalia

di Ausonio

576

9.

Attusia Lucana Sabina, mia moglie

578

V. I

l viaggio e la memoria: il

De reditu suo

di Rutilio

Namazia-no

584

i

399-4

1

4.

Anche le città possono morire

586

i

439-52.

I monaci della Capraia, “nemici della luce”

588

i

5

11

-26.

I monaci della Gorgona, “peggiori dei veleni di Circe”

590

VI. L

’elegia della vecchiaia: Massimiano

594

2

1

-32; 55-74.

L’amore perduto: il rifiuto di una vecchiaia disgustosa

596

VI. LA POESIA BUCOLICA

603

Nota introduttiva

605

I. L

a poesia pastorale di Virgilio

609

Buc.

, 2.

Lamento d’amore

6

1

2

II. T

ra bucolica ed encomio: le

Ecloghe

di Calpurnio Siculo

620

7.

Le meraviglie di Roma

622

III. L

’ultima ripresa del genere bucolico: le

Ecloghe

di

Nemesia-no

634

3.

Il canto di Pan: Bacco e la prima vendemmia

636

VII. LA SATIRA

645

Nota introduttiva

647

I.

L’

inventor

del genere: Lucilio

652

1

326-38 M.

Cos’è la virtú?

654

II.

Il

sermo

oraziano

656

1

.

La satira

656

(19)

indice

936

2.

L’epistola poetica

670

i

11

.

L’irrequieta inerzia

672

III.

Il rigore stoico di Persio

676

Choliambi. Il poeta semirustico

678

5

1

-5

1

-

Il discepolo e il maestro

680

IV.

La satira indignata di Giovenale

686

6

1

-37

. Il declino della morale

688

6

11

4-35.

La prostituta imperiale

690

6

1

84-99

. Fanno l’amore in greco!

692

6 246-67

. La gladiatrice

694

6 398-4

1

2

. La pettegola

696

6 434-56

. La dotta

698

6 627-6

1

.

L’avvelenatrice

700

VIII. L’EPIGRAMMA

705

Nota introduttiva

707

I. G

li

studia leviora

del filosofo o un falso intenzionale? Gli

epigrammi attribuiti a Seneca

7

1

2

AL

, 236 R. (= 228 Sh. B.; 2 P.).

Corsica, risparmia chi è sepolto!

7

1

4

II

. La musa epigrammatica di Marziale

7

1

6

iv 49

.

Serietà dell’epigramma

720

x 4.

La mia pagina ha il sapore dell’uomo

722

ii 77.

Quando l’epigramma è lungo

724

i

11

0.

A un critico

726

ix 59.

Una giornata per negozi

726

x 70.

Gli impegni del poeta cliente

728

v 34.

In morte di Erotion

730

i

1

0.

Un pretendente sospetto

732

iii 9.

Un poeta inesistente

732

viii

1

9

. Povertà simulata

732

i 38.

Un plagiario

734

ix

1

5.

Confessione involontaria

734

i

1

02.

Un pittore malizioso

734

(20)

indice

i 68.

Follia d’amore

736

ix 73.

Il ciabattino arricchito

738

v

1

3.

L’orgoglio del poeta povero

740

i 20.

Augurio a un ospite gretto

740

iii 44.

Sei troppo poeta!

742

Epigr

.,

1

.

La meraviglia delle meraviglie

744

iii 65.

Il profumo dei baci

744

xi 35.

A cena da solo

746

xii 34.

Bilancio di un’amicizia

746

x 47.

La vita beata

748

xii 3

1

.

I doni di Marcella

750

III. L

’epigramma al tramonto dell’impero: gli

Epigrammata

Bo-biensia

752

45.

Su un’immagine di Didone, da un epigramma greco. La vera Didone

754

IX. LA FAVOLA

759

Nota introduttiva

76

1

Fedro,

App. Perottina

,

1

5.

La vedova e il soldato

766

SCHEDE BIO-BIBLIOGRAFICHE

L’Autore dell’

Aetna

773

Ausonio

774

Avieno

779

Calpurnio Siculo

78

1

Catullo

784

Claudiano

793

Columella

796

Ennio

799

Fedro

803

Germanico

805

Giovenale

807

Grattio

8

1

0

Lucano

8

11

Lucilio

8

1

5

(21)

indice

938

Manilio

820

Marziale

823

Massimiano

826

Nemesiano

828

Orazio

829

Ovidio

842

Persio

852

Plauto

854

Properzio

862

Rutilio Namaziano

865

Seneca

868

Quinto Sereno

876

Silio Italico

877

Stazio

880

Terenziano Mauro

884

Terenzio

884

Tibullo

889

Valerio Flacco

892

Virgilio

895

INDICI

Indice dei nomi e delle cose notevoli

9

1

3

Referensi

Dokumen terkait

buktikan bahwa pemberian satu kali Nevirapine pada saat persalinan kepada ibu dan kemudian dilanjutkan dengan pemberian satu kali pada bayi pada usia 48-72 jam setelah lahir

Dalam bidang Sastra pada masa pembaharuan terdapat nama-nama sastrawan yang Islami di berbagai Negara seperti sastrawan dan pemikir ulung yang lahir di Pakistan tahun 1877 dan

Upaya Meningkatkan Hasil Belajar Lempar Lembing Melalui Penerapan Variasi Pembelajaran Pada Siswa Kelas VIII KARTIKA I-2 Tahun Ajaran 2012/2013.. (Pembimbing :

Panitia mengumumkan bahwa seleksi pekerjaan tersebut dinyatakan Batal. Demikian Pengumuman ini

Membawa semua dokumen penawaran asli sesuai yang saudara sampaikan/upload dalam Website http://lpse.jakarta.go.id.. Atas perhatian Saudara, kami

Memberikan pelatihan kepada SDM pengelola Sistem informasi PBB P2 tentang hal-hal yang terkait dengan operasional pengelolaan sistem (SIP-PBB) dan Sistem

At temperatures of 110 o C crystalinity of CNCs increased from 1 hour until 5 hours of reaction time, this is because the acid is able to eliminate the amorphous region in

Apakah ada perbedaan pengaruh antara model pembelajaran Inquiry dan model pembelajaran Direct Intruction pada kelompok siswa yang memiliki kemandirian belajar rendah